Quando e come difendersi nell’ipotesi di accusa di reati fiscali

Vista la condizione in cui versa la giustizia nell’epoca in cui viviamo, non c’è affatto da meravigliarsi che lo Stato abbia dato vita ad una sorta di autentica persecuzione di coloro che siano accusati di reati fiscali.
Il che rappresenterebbe di per sé un bene, ma non sempre le ipotesi di reato sono fondate, non sempre sono giustificate e, soprattutto, non sempre sono commisurate ai reati commessi.

Troppo spesso imprenditori e professionisti pagano responsabilità che, in più o minore misura, non sarebbero tenuti ad assumersi.
Questa autentica persecuzione prende corpo in verifiche e controlli a tutto campo verso tutti i settori contributivi, non solo nei confronti di imprese, ma anche nei confronti di singoli cittadini percettori di reddito, anche molto basso. Le verifiche fiscali e i controlli effettuati a tappeto da parte della Guardia di Finanza, in particolar modo negli ultimi cinque anni, sono aumentati in misura esponenziale.
Le principali vittime sono soprattutto imprese e professionisti, che, accanto alle accuse di reati fiscali sollevate contro di loro in prima persona, vedono avanzate altresì le ipotesi di concorso del consulente, debito tributario, ect.

Reati fiscali immagine

Reati finanziari: non sempre si considerano con rispetto le difficoltà di imprenditori e professionisti

E’ facile sollevare accuse di reati finanziari, ma non sempre si considerano la difficoltà che imprenditori e professionisti hanno a monte nella gestione della loro azienda.
Tenere sotto controllo l’amministrazione finanziaria non è particolarmente facile: è necessaria infatti un’adeguata conoscenza della struttura stessa di ciò a cui puntano i controlli, nonché una puntuale dimestichezza con le regole che presiedono al funzionamento delle verifiche fiscali.
Si deve essere padroni della normativa in materia che regolamenta l’accertamento dei reati fiscali.
La vita del contribuente, come è facile immaginare, non è affatto semplice.
Questi, se sottoposto agli accertamenti per reati fiscali, una volta verificata la regolarità dell’autorizzazione, non può opporsi al controllo ed avrà lo specifico dovere, imposto dalla legge, di collaborazione con i verificatori.
Gli addetti preposti alle verifiche ed ai controlli da parte dello Stato sono infatti autorizzati ad accedere e iniziare la ricerca nei locali dell’attività del contribuente.

Tutta la documentazione può essere passata al vaglio.
Reperti ed elementi necessari a verificare la gestione tributaria del contribuente non sono immuni da questo controllo a tappeto.
Registri, i libri contabili, documenti e scritture contabili ed extracontabili possono essere ispezionati senza problemi e senza limiti.
Ben si comprende quanto vitale sia, in questo caso, affidarsi ad un team di legali che, esperti nella materia del diritto tributario e fiscale, e, quindi, dei reati fiscali, sappia predisporre una strenue difesa. preceduta, naturalmente, da tutto il supporto necessario ad evitare che l’indagine sfori e/o deroghi i criteri di correttezza e di tutela della privacy.

International Lawyers Associates: la migliore difesa in campo di assistenza per reati tributari

Mai come oggi si rende necessario predisporre tutto quello che può rendersi utile ad ottenere una assistenza completa, sia in sede penale che in sede di contestazione amministrativa, nell’ambito del contenzioso per reati fiscali.
Gli avvocati di International Lawyers Associates rappresentano un areale garanzia, tesa a dare tutela a chi subisce tutta una serie di controlli: essi predispongono strategie legali tese a tutelare i beni dall’aggressione al patrimonio, in seguito a eventuali provvedimenti di sequestro e/o confisca disposti dalle autorità competenti.
Non esiste accusa dalla quale i legali dello studio associato International Lawyers Associates non siano in grado di preservare il proprio assistito: dichiarazione infedele, dichiarazione omessa, emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, occultamento o distruzione di documenti contabili, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, omesso versamento iva e ritenute certificate, concorso del consulente, debito tributario, ect.

Debito tributario: ecco come alleviare il peso tributario e sanzionatorio

A bene vedere, ad abbassare “i toni” della materia, sono intervenute delle nuove ipotesi di non punibilità. Un esempio: nei casi in cui il contenzioso per reati fiscali sia in corso ed il debito tributario venga pagato prima del dibattimento, se il debito saldato riguarda omessi versamenti e compensazioni irregolari, il reato non è punibile.
Gli strumenti per predisporre una buona difesa, come si vede, ci sono.
Basta rivolgersi ai legali giusti. Con International Lawyers Associates esiste una soluzione per ogni problema, anche quello che nasce dalla necessità di alleviare il peso tributario e sanzionatorio del singolo e dell’impresa.
Il tutto con massima efficienza e minimizzazione dello sforzo finanziario dell’assistito.
Meglio dunque non scegliere a caso il legale a cui rivolgersi in materia di reati fiscali.